Studio Associato S.r.l. | ZES UNICA MEZZOGIORNO SI PARTE: APPROVATO IL DECRETO ATTUATIVO
ULTIMI AGGIORNAMENTI
Archivio

ZES UNICA MEZZOGIORNO SI PARTE: APPROVATO IL DECRETO ATTUATIVO

Maggio 30, 2024

ZES UNICA MEZZOGIORNO: L’AGEVOLAZIONE DISPONE DI 1,8 MLD DI EURO DI RISORSE

E’ stato firmato il Decreto attuativo MEF-Ministero per gli Affari europei, datato 17/05/2024, in relazione al credito d’imposta per gli investimenti nella Zona economica speciale per il Mezzogiorno – ZES unica (art. 16 del DL 124/2023), agevolazione che dispone di 1,8 miliardi di euro di risorse.

Di seguito elenchiamo le principali novità rispetto agli elementi normativi già noti.

INVESTIMENTI AMMISSIBILI

È stato esplicitato che, per determinare il momento in cui gli investimenti (01/01/2024 – 15/11/2024) si considerano effettuati, si deve fare riferimento al principio di competenza (art. 109, commi 1 e 2 del TUIR).

Non sono ammesse acquisizioni avvenute tra soggetti con rapporti di controllo o di collegamento.

  • FASE 1 – PRENOTAZIONE DEL CREDITO D’IMPOSTA – Dal 12/06/2024 al 12/07/2024 (valutazione automatica)

Il modello di comunicazione, con le relative istruzioni, deve ancora essere pubblicato con provvedimento AdE.

Entro 10 giorni dal 12/07/2024, l’Agenzia delle Entrate renderà nota la percentuale e l’ammontare massimo del credito fruibile.

L’ammontare massimo del credito d’imposta fruibile è pari a: credito d’imposta richiesto * percentuale resa nota con provvedimento Agenzia delle Entrate (entro dieci giorni dal 12/07/2024).

La percentuale è ottenuta rapportando il limite complessivo di spesa (1,8 miliardi) all’ammontare complessivo dei crediti d’imposta richiesti.

  • FASE 2 – CONFERMA DEGLI INVESTIMENTI: dal 03/02/2025 al 14/03/2025

Le imprese che hanno realizzato investimenti per un ammontare inferiore a quanto indicato nella comunicazione di prenotazione, dovranno comunicare l’importo effettivo degli investimenti realizzati e del credito maturato.

Nel caso in cui la percentuale riconosciuta di credito d’imposta sia stata riparametrata a seguito della “prenotazione delle risorse” (Fase 1), successivamente alla “conferma degli investimenti” (Fase 2) l’Agenzia delle Entrate rideterminerà la percentuale di credito spettante.

Il modello di comunicazione, con le relative istruzioni, deve ancora essere pubblicato con provvedimento ADE.

L’ammontare massimo del credito d’imposta fruibile è pari a: credito d’imposta richiesto * percentuale resa nota con provvedimento Agenzia delle Entrate (entro dieci giorni dal 12/07/2024).

La percentuale è ottenuta rapportando il limite complessivo di spesa (1,8 miliardi) all’ammontare complessivo dei crediti d’imposta richiesti.

MODALITÀ DI FRUIZIONE DEL CREDITO

L’agevolazione è utilizzabile esclusivamente in compensazione, come segue:

  • Il “credito d’imposta fruibile (post FASE 1): dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del 1° provvedimento con cui l’AdE approva la percentuale di credito fruibile e, comunque, non prima della data di realizzazione dell’investimento.
  • Il “maggior credito” fruibile (post FASE 2): dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del 2° provvedimento con cui l’AdE approva la percentuale di credito effettivamente fruibile.

CERTIFICAZIONI

L’effettivo sostenimento delle spese ammissibili e la corrispondenza delle stesse alla documentazione contabile devono risultare da apposita certificazione rilasciata dal soggetto incaricato della revisione legale dei conti.

Per le imprese non obbligate per legge alla revisione legale dei conti, la certificazione deve essere rilasciata da un revisore legale dei conti o da una società di revisione legale dei conti.

Contattaci per gestire la domanda di agevolazione per la tua impresa

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 1.930 iscritti.