Studio Associato S.r.l. | Regione Piemonte: contributi a fondo perduto per le imprese che investono in efficienza energetica ed energie rinnovabili
ULTIMI AGGIORNAMENTI
Archivio

Regione Piemonte: contributi a fondo perduto per le imprese che investono in efficienza energetica ed energie rinnovabili

Marzo 29, 2023
  • piemonte-efficienza-energetica-fonti-rinnovabili-imprese

Il nuovo bando 2023 è destinato a micro, piccole, medie imprese (MPMI) e Grandi imprese (GI) della Regione Piemonte e promuove investimenti per la riduzione dei consumi e delle correlate emissioni attraverso la razionalizzazione dei cicli produttivi, l’utilizzo efficiente dell’energia e la produzione di energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo.

Il bando prevede l’attivazione di DUE AZIONI:

Azione II.2i.2 Efficientamento energetico nelle imprese

L’azione intende offrire ai destinatari la possibilità di rendere più efficienti dal punto di vista energetico le attività connesse ai cicli di produzione delle imprese e gli edifici di queste ultime abbattendo i consumi di energia primaria e di conseguenza i costi legati al consumo di energia.

Prevede 5 linee d’intervento:

a) impianti di cogenerazione ad alto rendimento;

b) interventi di razionalizzazione dei cicli produttivi e utilizzo efficiente dell’energia;

c) interventi di efficientamento energetico di edifici delle imprese;

d) installazione di sistemi di building automation connessi agli interventi di efficientamento;

e) sviluppo di processi innovativi volti al risparmio energetico, compresa l’eventuale ingegnerizzazione di nuove linee di produzione efficienti.

DIMENSIONE DEL PROGETTO:

  • per le MPMI sono ammissibili interventi di importo minimo pari a 80.000 euro ed un massimo pari a 3.000.000 euro;
  • per le G.I sono ammissibili interventi che rivestono carattere di strategicità di minimo importo a 500.000 euro e massimo a 5.000.000 euro.

Azione II.2ii.2 Promozione dell’utilizzo delle energie rinnovabili nelle imprese

L’azione consente alle imprese la possibilità di ridurre le emissioni di Co2 attraverso l’installazione di impianti a fonti rinnovabili per la produzione di energia termica ed elettrica.

Gli interventi a valere sulla presente azione devono essere abbinati ad interventi di efficientamento energetico.

Prevede 5 linee di intervento:

a) impianti di cogenerazione ad alto rendimento, alimentati a fonti rinnovabili;

b) installazione di impianti a fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica attraverso lo sfruttamento dell’energia idraulica e solare-fotovoltaica;

c) installazione di impianti a fonti rinnovabili per la produzione di energia termica attraverso lo sfruttamento dell’energia dell’ambiente, geotermica, solare termica o da biomassa;

d) produzione di idrogeno verde da energia elettrica rinnovabile;

e) sistemi di accumulo/stoccaggio dell’energia prodotta di media e piccola taglia.

DIMENSIONE DEL PROGETTO (Azione II.2ii.2 Promozione dell’utilizzo delle energie rinnovabili nelle imprese):

  • per le MPMI sono ammissibili investimenti di importo minimo pari a 100.000 euro ed un massimo pari a 3.000.000 euro;
  • per le G.I sono ammissibili importo minimo pari a 500.000 euro e massimo pari a 5.000.000 euro.

L’agevolazione, che può coprire fino al 100% dei costi ammissibili dell’investimento, è costituita da un finanziamento agevolato e da una quota di sovvenzione a fondo perduto.

L’agevolazione risulta così suddivisa:

a) nel caso di Micro e Piccole Imprese:

  • finanziamento pari almeno al 70% del valore del progetto, erogato per il 70% con risorse a valere sul FESR e per la quota restante (pari ad almeno al 30%) da fondi bancari;
  • contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 30% del valore del progetto.

b) nel caso di medie imprese:

  • finanziamento pari almeno all’80% erogato per il 70% con risorse a valere sul FESR e per la quota restante (pari ad almeno al 30%) da fondi bancari;
  • contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 20%

c) nel caso di grandi imprese:

  • finanziamento pari almeno al 90% del valore del progetto erogato per il 70% con risorse a valere sul FESR e per la quota restante (pari ad almeno al 30%) da fondi bancari;
  • contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 10% del progetto.

Come presentare la domanda?

La presentazione della domanda è possibile effettuarla:

  • dal Gio 30/03/2023 alle ore 9:00
  • a Ven 29/09/2023 alle ore 12:00.

Scaricabile da qui la scheda completa della misura

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 1.974 iscritti.