Studio Associato S.r.l. | Proroga del termine per la conclusione degli investimenti e per gli adempimenti successivi alla concessione
ULTIMI AGGIORNAMENTI
Archivio

Proroga del termine per la conclusione degli investimenti e per gli adempimenti successivi alla concessione

maggio 12, 2020

Estratto

 

Circolare 29 aprile 2020, n. 127757

Decreto interministeriale 25 gennaio 2016 “Beni strumentali” (Nuova Sabatini) – Proroga del termine per la conclusione degli investimenti e per gli adempimenti successivi alla concessione.

 

Per effetto dell’emergenza epidemiologia molte imprese che hanno beneficiato delle agevolazioni Nuova Sabatini stanno incontrando particolari difficoltà a realizzare, entro il previsto termine di 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, gli investimenti pianificati, sia per carenza della necessaria liquidità aziendale, sia per i ritardi nella produzione, consegna e collaudo dei beni ordinati connessi alla chiusura forzata delle aziende fornitrici.

Per tale ragione, si ritiene necessario riconoscere alle imprese beneficiarie delle agevolazioni Nuova Sabatini, in virtù della grave, oggettiva e generale situazione di difficoltà del sistema produttivo nazionale, una proroga di 6 mesi del predetto termine di realizzazione degli investimenti e di quelli previsti per la trasmissione al Ministero della connessa documentazione: dichiarazione di ultimazione investimento (DUI); richiesta unica di erogazione (RU).

La predetta proroga è riconosciuta esclusivamente in relazione alle operazioni agevolate per le quali il predetto periodo di 12 mesi (decorrente dalla data di stipula del contratto di finanziamento) per la realizzazione degli investimenti includa almeno un giorno del periodo di sospensione, prima richiamato, compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 15 maggio 2020.

Per le operazioni che si trovano nelle sopra richiamate condizioni, la proroga di 6 mesi del termine per la realizzazione dell’investimento e la presentazione al Ministero della DUI e della RU è concessa d’ufficio. Non è, dunque, necessario l’invio di alcuna specifica richiesta al Ministero ai fini dell’ottenimento della proroga. Resta, ovviamente, ferma la facoltà delle imprese beneficiarie di ultimare l’investimento prima della proroga in discorso.