Studio Associato S.r.l. | Credito d’imposta beni immateriali 4.0 al 50% per gli investimenti 2022
ULTIMI AGGIORNAMENTI
Archivio

Credito d’imposta beni immateriali 4.0 al 50% per gli investimenti 2022

maggio 23, 2022

Credito d’imposta beni immateriali 4.0 al 50% per gli investimenti 2022
Credito d’imposta maggiorato nella misura del 50% della spesa sostenuta per gli investimenti in beni immateriali Industria 4.0, effettuati nel 2022, con coda fino al 30 giugno 2023, per quelli prenotati entro fine anno.

È quanto prevede il nuovo decreto Aiuti al fine di favorire l’innovazione tecnologica delle imprese. La misura dell’agevolazione viene portata dal 20 al 50%. Sono agevolabili anche le spese per servizi sostenute in relazione all’utilizzo di tali beni mediante soluzioni con risorse di calcolo condivise e connesse (cloud computing) per la quota imputabile per competenza.

Il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione IRAP.
Investimenti in beni immateriali Industria 4.0 effettuati nel 2022: credito d’imposta al 50%.

É quanto previsto dall’art. 21 del decreto Aiuti (D.L. n. 50/2022) recante misure urgenti misure di sostegno per le imprese approvato in Consiglio dei Ministri.

 

Credito d’imposta beni immateriali 4.0