Studio Associato S.r.l. | REGIONE LOMBARDIA: FABER 2020 domande sino al 19 06 2020
ULTIMI AGGIORNAMENTI
Archivio

REGIONE LOMBARDIA: FABER 2020 domande sino al 19 06 2020

maggio 12, 2020

Regione Lombardia: FABER 2020

 

Il bando è finalizzato a sostenere le micro e piccole imprese manifatturiere, edili e artigiane per la realizzazione di investimenti produttivi, mediante l’acquisto di nuovi macchinari, impianti di produzione e attrezzature inseriti in adeguati programmi di investimento aziendali volti a:

  1. raggiungere le condizioni ottimali di produzione;
  2. massimizzare l’efficienza nell’utilizzo di fattori produttivi, quali l’energia e l’acqua;
  3. ottimizzare la produzione e la gestione dei rifiuti favorendo la chiusura del ciclo dei materiali e applicando concretamente l’innovazione ambientale nei processi produttivi.

Non potranno presentare domanda di partecipazione al presente Bando le imprese alle quali, nelle tre edizioni del Bando FABER 2019, è stato concesso il contributo regionale.

Possono partecipare i soggetti che, al momento della presentazione della domanda, posseggano i seguenti requisiti:

  • essere Micro o Piccola impresa;
  • avere almeno una sede operativa o un’unità locale attiva in Lombardia, come risultante da visura camerale, oggetto dell’intervento. In tale sede deve essere realizzato l’investimento ed ubicati i beni agevolati;
  • essere attive da almeno 24 mesi alla data di presentazione della domanda;
  • svolgere, nella sede oggetto di intervento (sede operativa/unità locale dell’impresa) un’attività classificata come segue:
    • impresa artigiana iscritta alla sezione speciale del Registro Imprese delle Camere di Commercio. Sono escluse le imprese artigiane afferenti al codice Ateco, sezione A (agricoltura, silvicoltura e pesca), ad eccezione delle imprese agromeccaniche (sezione A Codice 01.61.00) iscritte all’Albo delle imprese agromeccaniche di Regione Lombardia;
    • imprese manifatturiere codice Ateco 2007 sezione C;
    • imprese edili codice Ateco 2007 sezione F.

L’agevolazione si configura come contributo a fondo perduto pari al 30% delle spese considerate ammissibili, nel limite massimo di 35.000 euro al lordo della ritenuta di legge del 4%. L’investimento minimo è fissato in 25.000 euro.

Le spese dovranno essere sostenute (fatturate e quietanzate) a partire dal 25 febbraio 2020 e rendicontate e quietanzate entro e non oltre il 16 dicembre 2020.

Sono ammissibili al contributo, al netto di IVA, le voci di costo relative ad acquisto e relativa installazione (ivi compresi montaggio, trasporto e formazione solo se inseriti nella fattura di acquisto) di:

  1. nuovi macchinari, nuovi impianti di produzione e nuove attrezzature strettamente funzionali all’obiettivo dell’investimento;
  2. nuove macchine operatrici, definite all’art. 58 del D.lgs. 285/1992 “Nuovo Codice della strada” e relative attrezzature;
  3. beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni software) connessi a investimenti in beni materiali «Industria 4.0» e unicamente correlati all’acquisto di macchinari, impianti di produzione ed attrezzature di cui alla voce di spesa a);
  4. opere murarie strettamente connesse all’installazione dei beni materiali di cui alla lettera a) entro un limite massimo del 20% delle spese ammissibili di cui alla lettera a);
  5. formazione per i dipendenti dell’impresa strettamente connessa all’introduzione e all’utilizzo dei macchinari, delle macchine e dei beni immateriali di nuova installazione entro il limite del 10% della somma di cui alle lettere a), b) e c);
  6. strumenti e macchinari per la sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali e sistemi di misura e controllo della temperatura corporea a distanza anche con sistemi di rilevazione biometrica, solo se in aggiunta all’acquisto di uno o più beni direttamente connessi alla produzione di cui alle voci di costo a) e b) entro il limite del 20% della somma di cui alle lettere a), b) e c).

Le voci di costo a), b) e c) ammissibili sono esclusivamente quelle contenute nell’Allegato B, in allegato.

Le fatture elettroniche devono necessariamente riportare la dicitura “Spesa sostenuta a valere sul Bando FABER 2020 di Regione Lombardia” e il relativo codice CUP. In tutti i casi nel quale risulti impossibile apportare sulle fatture la dicitura e/o il CUP, in fase di rendicontazione delle spese è possibile produrre una dichiarazione sostitutiva di atto notorio.

La domanda di partecipazione può essere presentata dalle ore 10:00 del 19/05/2020 ed entro le ore 12:00 del 19/06/2020.