Studio Associato S.r.l. | Contributi a fondo perduto per acquisto impianti fotovoltaici – POR Regione Piemonte
ULTIMI AGGIORNAMENTI
Archivio

Contributi a fondo perduto per acquisto impianti fotovoltaici – POR Regione Piemonte

febbraio 26, 2019

POR “Energia sostenibile e qualità della vita” Bando per l’efficienza energetica e fonti rinnovabili nelle imprese Codice bando

***

Obiettivo del Bando è quello di promuovere investimenti finalizzati al miglioramento dell’efficienza energetica e l’utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili nelle imprese.

 

Obiettivo
Promuovere investimenti finalizzati al miglioramento dell’efficienza energetica e l’utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili nelle imprese.

 
Beneficiari
Imprese che:

  • hanno un codice di attività primario ATECO 2007 compreso tra quelli elencati nel Bando
  • svolgono l’investimento in una sede ubicata in Piemonte
  • non sono soggette a procedure concorsuali o a liquidazione volontaria

 

Iniziative ammissibili

Tutti gli interventi proposti devono soddisfare i seguenti requisiti generali:

devono riguardare una sola unità locale;

al momento della presentazione della domanda non devono essere obbligatori per il destinatario finale (ad esempio, prescrizioni derivanti da leggi in materia di ambiente, da provvedimenti di autorizzazione, ecc.) e non devono riguardare interventi necessari a conformarsi a norme dell’Unione già adottate, anche se non ancora in vigore; non devono riguardare reti di teleriscaldamento;

non devono riguardare attività connesse all’esportazione verso Paesi terzi o Stati membri, vale a dire gli aiuti non devono essere direttamente connessi ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse all’attività d’esportazione.

 
Sono ammissibili i seguenti interventi:

Linea 1: Interventi di efficienza energetica:

  1. installazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento;
  2. interventi finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica nei processi produttivi, diretta a ridurre l’incidenza energetica sul prodotto finale, tali da determinare un significativo risparmio annuo di energia utile;
  3. interventi finalizzati all’aumento dell’efficienza energetica degli edifici nell’unità locale;
  4. sostituzione puntuale di sistemi e componenti a bassa efficienza con altri a maggiore efficienza;
  5. installazione di nuove linee di produzione ad alta efficienza.

 

Linea 2: Interventi di installazione di impianti a fonti rinnovabili: la cui energia prodotta sia interamente destinata all’autoconsumo nell’unità locale.


Gli interventi rientranti tra quelli della Linea 1 – lettera a) dovranno garantire un risparmio di emissioni, parametrato alla situazione preesistente, almeno pari a 0,5 kg CO2 equivalente per ogni euro investito.

Gli interventi rientranti tra quelli della Linea 1 – lettera b) devono comportare un miglioramento dell’efficienza energetica quantificabile – in termini di energia utile risparmiata – in un valore uguale o superiore a 1,00 kWh per euro investito, parametrato alla capacità produttiva preesistente.

Gli interventi rientranti tra quelli della Linea 1 – lettera c) dovranno garantire un risparmio di emissioni, parametrato alla situazione preesistente, almeno pari a 0,02 kg CO2 equivalente per ogni euro investito.

Gli interventi rientranti tra quelli della Linea 1 – lettere b) e d) dovranno garantire un risparmio di emissioni, parametrato alla situazione preesistente, almeno pari a 0,3 kg CO2 equivalente per ogni euro investito.

Gli interventi rientranti tra quelli della Linea 1 – lettera e) dovranno garantire un risparmio di emissioni, parametrato alla situazione teorica di incremento della produzione con linee standard, almeno pari a 0,3 kg CO2 equivalente per ogni euro investito.

 

Gli interventi rientranti tra quelli della Linea 2 dovranno garantire un risparmio di emissioni, parametrato alla situazione preesistente, almeno pari a 0,2 kg CO2 equivalente per ogni euro investito.

 

Il progetto può avere un importo minimo di 50.000 euro e massimo di 5.000.000 euro

Agevolazione

L’investimento viene agevolato con queste modalità:

  • 60% del totale progetto tramite finanziamento agevolato a tasso 0
  • 20% del totale progetto tramite finanziamento bancario a tasso convenzionato,
  • 20% del totale progetto tramite contributo a fondo perduto (con un limite di 500.000 euro)

 

Intensità complessiva dell’agevolazione tra contributo a fondo perduto e finanziamento a tasso zero pari a: 26,48%